Ricerca

























avvocati_domiciliatari_diritto_civile.jpg
mod_vvisit_counterVisite Oggi909
mod_vvisit_counterDal 12/06/0911792585

domiciliazioniprevprof.jpg

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
stop alle polizze assicurative imposte sui mutui bancari

Approfondimento a cura di

Maria Antonietta Usai

avvocato civilista del Foro di Cagliari


Dal 2 Aprile 2012, è in vigore l'art. 36 bis del D.L. del 6 Dicembre 2011, n. 201 ( cosiddetto Decreto Salva Italia), il quale ha inserito all'interno dell'art. 21 del Codice del Consumo, il comma 3-bis, recante la seguente disposizione:

È considerata scorretta la pratica commerciale di una banca, di un istituto di credito o di un intermediario finanziario che, ai fini della stipula di un contratto di mutuo, obbliga il cliente alla sottoscrizione di una polizza assicurativa erogata dalla medesima banca, istituto o intermediario».

In pratica, a seguito della nuova normativa, le banche, gli istituti di credito e gli intermediari finanziari non potranno più obbligare il cliente ad acquistare una o più polizze da loro intermediate, quale condizione necessaria per l'erogazione di un mutuo o di un prestito.

La norma è fondamentale per porre fine ad una prassi che ha coinvolto negli ultimi anni migliaia di consumatori, indotti alla sottoscrizione di una o più polizze assicurative.

Tale pratica pregiudizievole aveva già obbligato nel corso del 2009, l'Isvap (l'Istituto che dal 1982, opera per garantire la stabilità e la trasparenza del mercato e delle imprese di assicurazione ) ad un primo intervento correttivo.

Infatti, a seguito di una indagine svolta, l'Istituto aveva rilevato come le polizze abbinate a mutui e prestiti, sebbene non obbligatorie, venissero di fatto imposte dalle banche e dagli intermediari finanziari.

Più in particolare, costoro erano soliti imporre al consumatore di essere designati come beneficiari delle prestazioni offerte dalla polizza allo scopo preminente di saldare i propri interessi, facendo in tal modo gravare il costo della polizza sul cliente, mediante l'applicazione di provvigioni estremamente onerose.

Basti pensare che a seguito della imposizione, il prezzo complessivo della polizze abbinate a mutui o prestiti lievitava  ad  aliquote maggiorate del 44%, a fronte del 20% delle polizze distribuite dagli agenti.

Ancora nell'aprile del 2011, l'Isvap dopo aver rilevato il protrarsi della prassi pregiudizievole, ha effettuato una seconda indagine conoscitiva che nei mesi successivi ha condotto il Governo all'emanazione del provvedimento di cui all'Art. 36 bis del  " Decreto Salva Italia.

Attualmente, pertanto, le banche e le società di credito che erogano finanziamenti possono vendere polizze assicurative solo nell'ipotesi in cui il beneficiario delle  stesse sia un soggetto terzo designato dal consumatore, oppure qualora le polizze vengano vendute da altri intermediari assicurativi che non abbiano alcun rapporto con l'intermediario che ha erogato il finanziamento.

Giova, peraltro, sottolineare come tali polizze, finalmente non più imposte al consumatore, restino, tuttavia, ancor oggi un valido strumento a garanzia delle somme ricevute in prestito.

Rientrano, infatti, in tale categoria tutte le polizze assicurative utilizzabili dal mutuatario al fine di premunirsi avverso ipotesi negative che occorrano durante la fase di restituzione delle somme ( c.d. polizze sulla vita, per l'invalidità temporanea  e permanente, o conseguenti alla perdita di lavoro ).

Pertanto, dal 2 Aprile 2012, ciascun consumatore sarà libero di  rifiutare di aderire a qualsivoglia  copertura assicurativa, oppure di rivolgersi ad agenzie esterne alla banca o agli intermediari finanziari, capaci di offrire le condizioni più vantaggiose sul mercato.

Fatto salvo il diritto di recesso ed alla restituzione del premio pagato e non goduto al netto delle imposte, per tutti coloro che, sulla falsariga della precedente prassi, fossero stati obbligati alla stipula di polizze assicurative non volute.

 




Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia