Ricerca























mod_vvisit_counterVisite Oggi1357
mod_vvisit_counterDal 12/06/0913216915

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Il contratto di mutuo e il mutuo di scopo

Argomenti correlati

i tassi d'usura nei mutui

il delitto d'usura

la rescissione per lesione

interessi ususrarii e rescissione

contratto di deposito

lo sconto bancario

il contratto di conto corrente

l'apertura di credito bancario

l'anticipazione bancaria

il deposito bancario

Il contratto di mutuo, ai sensi dell'art. 1813 c.c., è il contratto con il quale una parte, detta mutuante, consegna all'altra, detta mutuatario, una somma di denaro o altre cose fungibili ed il mutuatario si obbliga a restituirne altrettante della stessa specie.

Il contratto di mutuo è un contratto reale che si perfeziona con la consegna; consegna che, a sua volta, determina il passaggio della proprietà in capo al mutuatario.

Il trasferimento della proprietà è l'elemento che distingue il contratto di mutuo dal contratto di deposito.

Più arduo è, invece, distinguere il contratto di mutuo da altre fattispecie quali, il deposito irregolare e il quasi usufrutto, nelle quali, analogamente a quanto accade nel contratto di mutuo, la proprietà delle cose passa al depositario e all'usufruttuario.

La distinzione tra il contratto di mutuo e queste diverse figure contrattuali risiede, allora, nella causa che, nel contratto di mutuo diversamente dal deposito irregolare e dal quasi usufrutto, è sempre quella del prestito.

Il contratto di mutuo si presume a titolo oneroso ed il corrispettivo dovuto dal mutuatario è costituito dagli interessi.

Se la misura degli interessi non viene stabilita nel contratto di mutuo, si applica il tasso legale. Ove, invece, siano pattuiti interessi usurari, la clausola relativa, ai sensi dell'art. 1815 c.c., secondo comma è nulla e non sono dovuti interessi.

La natura usuraria degli interessi si determina, ai sensi dell'art. 2 della L. n. 108 del 1996, sulla base del tasso medio che, per ciascuna categoria di operazioni, viene pubblicato ogni tre mesi sulla Gazzetta Ufficiale, sulla base delle rilevazioni fatte dal Ministero del Tesoro, di concerto con la Banca d'Italia e l'Ufficio Italiano Cambi.

Nell'ambito del contratto di mutuo, il mutuante è obbligato a consegnare cose non viziate e a garantire il mutuatario dall'evizione.

Il mutuatario è, invece, obbligato a corrispondere gli interessi ed a restituire altrettante cose della stessa specie di quelle ricevute al termine del rapporto.

Tipo particolare di contratto di mutuo è il mutuo di scopo caratterizzato dal fatto che la somma di danaro o la quantità di altre cose fungibili vengono consegnate per uno scopo determinato. Il mancato impiego della quantità di denaro o di altre cose fungibili ricevute, per lo scopo pattuito determina la risoluzione del contratto per inadempimento. Si discute in dottrina se, nell'ambito del contratto di mutuo di scopo, lo scopo entri a far parte della causa del contratto o se configuri una condizione dello stesso.

Argomenti correlati

i tassi d'usura nei mutui

il delitto d'usura

la rescissione per lesione

interessi ususrarii e rescissione

contratto di deposito

lo sconto bancario

il contratto di conto corrente

l'apertura di credito bancario

l'anticipazione bancaria

il deposito bancario

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia