Ricerca























mod_vvisit_counterVisite Oggi994
mod_vvisit_counterDal 12/06/0913595815

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Il contratto di spedizione
Argomenti correlati
 
 
 
 
 
Ai sensi dell’art. 1737 c.c., il contratto di spedizione è un mandato che ha per oggetto l’obbligo, per lo spedizioniere, di concludere, in nome proprio e per conto del mandante, un contratto di trasporto e di compiere le operazioni accessorie.
 
Il contratto di spedizione è, dunque, un mandato senza rappresentanza che ha per oggetto il compimento, da parte dello spedizioniere, di un’attività giuridica e, cioè, la conclusione di un contratto di trasporto.
 
Il contratto è revocabile sino al momento in cui il contratto di trasporto viene concluso; in tal caso spetta allo spedizioniere un equo compenso.
 
La differenza essenziale tra il contratto di spedizione ed il contratto di trasporto consiste nel contenuto dell’incarico in quanto, mentre il vettore ha l’obbligo di consegnare la merce a destinazione e risponde dei deterioramenti e dell’avaria della merce stessa, lo spedizioniere adempie la sua prestazione attraverso la stipulazione del contratto di trasporto, non assumendo i rischi relativi all’esecuzione del trasporto. Può peraltro convenzionalmente allo star del credere garantendo l'integrità della merce.
 
E’ possibile una combinazione del contratto di trasporto e del contratto di spedizione allorchè il vettore assume l’obbligo di eseguire una parte del trasporto e di stipulare in nome proprio e per conto del mandante un contratto di trasporto per la residua parte del tragitto.
 
Ai sensi dell’art. 1741 c.c., infatti, lo spedizioniere che, con mezzi propri o altrui, assume l’esecuzione del trasporto in tutto o in parte, ha gli obblighi e i diritti del vettore.
 
Il contratto di spedizione ha ad oggetto il trasporto di cose e non di persone.
 
L’obbligo dello spedizioniere è quello di custodire le cose sino al momento della consegna delle stesse al vettore e di stipulare, in nome proprio e per conto del mandante, un contratto di trasporto secondo le disposizioni del mandante o, in ogni caso, un contratto di trasporto che risponda ai suoi interessi (cfr. l’art. 1739 c.c.).
 
Il mandante ha l’obbligo di corrispondere allo spedizioniere la retribuzione da determinarsi, in mancanza di convenzione, sulla base del le tariffe professionali o degli usi del luogo in cui avviene la spedizione, nonché quello di rimborsargli le spese anticipate sulla base di documenti giustificaivi o a forfait (cfre. L’art. 1740 c.c.).




Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia