Ricerca

























avvocati_domiciliatari_diritto_civile.jpg
mod_vvisit_counterVisite Oggi133
mod_vvisit_counterDal 12/06/0910966764

domiciliazioniprevprof.jpg

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Know how e contratto di know how

Il Know how si definisce come quell’insieme di conoscenze, connotate dal requisito della segretezza e dell’originalità, atte ad ottimizzare i processi produttivi industriali ma inidonee ad essere brevettate in quanto non produttive né consistenti in risultati industriali specificatamente individuabili.

Il Know how, dunque, presenta il requisito della segretezza e della novità e concede al detentore una posizione di vantaggio sotto il profilo concorrenziale in un determinato contesto economico.

Il Know how può essere oggetto di trasferimento con un contratto di know how ovvero all’interno di più complesse operazioni negoziali (si pensi, ad esempio, al caso dell’affiliazione commerciale).

In tal senso la fonte di tutela del diritto al Know how è rappresentata proprio dal relativo contratto di Know how che conterrà le condizioni ed i modi del suo sfruttamento ed eventualmente specifiche penali per la violazione della clausole contrattuali.

Il contratto di Know how, dunque, è un contratto atipico di tipo sinallagmatico nel quale a fronte della trasmissione delle conoscenze in cui, per l’appunto, consiste il know how viene riconosciuto un determinato corrispettivo.

Peraltro, oltre che nelle specifiche clausole del contratto, il know how trova la sua tutela indiretta nell’art. 623 c.p. che punisce la rivelazione dei segreti industriali e nell’art. 2598 c.c. in materia di concorrenza sleale che, in via generale, considera atti di concorrenza sleale quelli di chiunque utilizzi mezzi non conformi ai principi della correttezza professionale e idonei a danneggiare l’altrui azienda.

E’ evidente che l’utilizzo per interessi propri del know how segreto di un’azienda (appreso, ad esempio, nel corso di un rapporto di lavoro poi cessato), ovvero la rivelazione delle relative conoscenze alla concorrenza è condotta idonea ad integrare la violazione di cui all’art. 2598 c.c. punto 3, in quanto deontologicamente scorretta e idonea a creare un danno sotto il profilo concorrenziale all’azienda il cui know how sia svelato e/o indebitamente utilizzato.

argomenti correlati

le invenzioni industriali e il brevetto

l'oggetto del contratto di know how le precisazioni della Suprema Corte





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia