Ricerca























mod_vvisit_counterVisite Oggi103
mod_vvisit_counterDal 12/06/0913053125

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
amministrazione giudiziaria nell'espropriazione immobiliare

L'amministrazione giudiziaria nel corso dell'espropriazione immobiliare, presupposti, durata, obbligo di rendiconto e cessazione dell'amministrazione giudiziaria

Argomenti correlati
 
 
 
 
 

 

ARTICOLO  592

Nomina dell'amministratore giudiziario.

[I]. L'amministrazione giudiziaria dell'immobile è disposta per un tempo non superiore a tre anni e affidata a uno o più creditori o a un istituto all'uopo autorizzato [159 1 att.], oppure allo stesso debitore se tutti i creditori vi consentono.

[II]. All'amministratore si applica il disposto degli articoli 65 e seguenti.

 

ARTICOLO  593

Rendiconto.

[I]. L'amministratore, nel termine fissato dal giudice dell'esecuzione, e in ogni caso alla fine di ciascun trimestre, deve presentare in cancelleria il conto della sua gestione e depositare le rendite disponibili [594] nei modi stabiliti dal giudice.

[II]. Al termine della gestione l'amministratore deve presentare il rendiconto finale [560 1].

[III]. I conti parziali e quello finale debbono essere approvati dal giudice. Questi, con ordinanza non impugnabile [487 2], risolve le contestazioni che sorgono in merito ad essi, applicando le disposizioni degli articoli 263 e seguenti [1781 att.].

ARTICOLO  594

Assegnazione delle rendite.

[I]. Durante il corso dell'amministrazione giudiziaria, il giudice dell'esecuzione può disporre che le rendite riscosse siano assegnate ai creditori secondo le norme degli articoli 596 e seguenti [178 2 att.].

ARTICOLO  595

Cessazione dell'amministrazione giudiziaria.

[I]. In ogni momento il creditore pignorante o uno dei creditori intervenuti può chiedere che il giudice dell'esecuzione, sentite le altre parti [485], proceda a nuovo incanto [591] o all'assegnazione [589] dell'immobile. Durante l'amministrazione giudiziaria ognuno può fare offerta di acquisto a norma degli articoli 571 e seguenti.

[II]. L'amministrazione cessa, e deve essere ordinato un nuovo incanto, quando viene a scadere il termine previsto nell'ordinanza di cui all'articolo 592, tranne che il giudice, su richiesta di tutte le parti, non ritenga di poter concedere una o più proroghe che non prolunghino complessivamente l'amministrazione oltre i tre anni.

Argomenti correlati
 
 
 
 
 

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia