Ricerca

























avvocati_domiciliatari_diritto_civile.jpg
mod_vvisit_counterVisite Oggi1424
mod_vvisit_counterDal 12/06/0911589280

domiciliazioniprevprof.jpg

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
beni pignorabili - scheda
In via generale, salvo eccezioni, ai sensi dell'art. 2910 cc, 1° comma, costituiscono beni pignorabili tutti i beni rientranti nel patrimonio del debitore.

Sono altresì beni pignorabili, a mente del 2° comma del medesimo articolo, i beni appartenenti a terzi: "quando sono vincolati a garanzia del credito o quando sono oggetto di un atto che è stato revocato perchè compiuto in pregiudizio del creditore".

Non sono beni pignorabili in quanto incapaci di espropriazione:

  • i beni demaniali;

  • i beni che fanno parte del patrimonio indisponibile dello Stato, delle province e dei comuni;

  • gli edifici destinati all'esercizio del culto cattolico, anche se appartenenti a privati;

  • le cose sacre e quelle che servono all'esercizio del culto;

  • i beni di Stati e sovrani stranieri, che abbiano una destinazione pubblica (residenze diplomatiche);

  • i beni dotali destinati a sostenere gli oneri del matrimonio;

  • l'usufrutto legale degli ascendenti;

  • i diritti di uso e di abitazione;

  • i beni del fondo patrimoniale (limitatamente ai debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia).
 
 
 
Non sono beni pignorabili in quanto sottratti all'espropriazione:

  • l'anello nuziale, i vestiti, la biancheria, i letti, gli utensili di casa e cucina etc..

  • i commestibili e i combustibili necessari per un mese al mantenimento del debitore e della sua famiglia;

  • le armi e gli oggetti che il debitore ha l'obbligo di conservare per l'adempimento di un pubblico servizio;

  • le decorazioni al valore, le lettere, i registri e gli scritti di famiglia;

Con riferimento specifico ai crediti (ad esempio, per retribuzioni, stipendi o pensioni), non sono beni pignorabili:

  • i crediti alimentari (tranne per causa di alimenti e sempre con l'autorizzazione del Presidente del tribunale o di un giudice da lui delegato e per la parte dal medesimo stabilita);

  • i crediti aventi ad oggetto sussidi di grazia o di sostentamento a persone comprese nell'elenco dei poveri o sussidi dovuti per maternità, malattia o funerali da enti vari.


  • quanto agli stipendi, salari e altre indennità dovuti da privati per rapporto di lavoro, sono pignorabili:

  • per alimenti nella misura fissata dal Presidente del Tribunale o da un giudice da lui delegato;
  • per ogni altro credito, nella misura massima di un quinto;
  • se concorrono più cause simultanee il pignoramento non può estendersi oltre la metà;
 
 
Sono, ai sensi dell'art. 515 cpc, beni solo relativamente pignorabili:

  • in mancanza di altri mobili: "le cose che il proprietario di un fondo vi tiene per il servizio e la coltivazione del medesimo..."

  • a seguito della riforma del 2006, nei limiti del quinto, gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore, soltanto allorchè il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall'ufficiale giudiziario o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito (tale limite non si applica peraltro per i debitori costituiti in forma societaria e in ogni caso se nell'attività del debitore risulta una prevalenza del capitale investito sul lavoro (cfr. art. 515 cpc, comma 3 cpc).





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia