Ricerca

























avvocati_domiciliatari_diritto_civile.jpg
mod_vvisit_counterVisite Oggi134
mod_vvisit_counterDal 12/06/0911576469

domiciliazioniprevprof.jpg

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
concorrenza sleale ricorso ex art 700 cpc
Ricorso ex art 700 cpc in tema di concorrenza sleale, istanza per la cessazione della condotta abusiva sleale e per la rimozione degli effetti
 
La disciplina della concorrenza sleale si trova nel codice civile agli artt. dal 2598 al 2601.
 
I principi base possono così essere compendiati:
 
a) nello svolgimento della competizione imprenditoriale è vietato servirsi di mezzi e tecniche non conformni ai principi della correttezza professionale;
 
b) il legislatore individua alcune tipologie di atti d di concorrenza sleale; si tratta degli atti di confusione, di denigrazione e di vanteria;
 
c) tali atti di concorrenza sleale sono repressi e sanzionati anche se compiuti senza dolo o colpa purchè l'atto sia idoneo a danneggiare l'altrui azienda;
 
d) ove siano posti in essere atti di concorrenza sleale, scatta la sanzione dell'inibitoria dalla continuazione degli atti di concorrenza e la rimozione degli effetti;
 
e) l'ulteriore diritto al risarcimento dei danni consegue invece alla dimostrazione che gli atti di concorrenza siano stati dolosi o colposi.

Come detto, il codice individua specifiche categorie di atti di concorrenza sleale.
E' concorrenza sleale ogni atto idoneo a creare confusione con i prodotti o con l'attività di un concorrente:

a) l'uso di nomi o di segni distintivi: "idonei a produrre confusione con i nomi o con i segni distintivi legittimamente usati da altri imprenditori concorrenti";
 
b) l'imitazione servile dei prodotti di un concorrente; vale a dire la pedissequa riproduzione delle forme esteriori dei prodotti altrui.
 
La seconda categoria di atti di concorrenza sleale comprende: a) gli atti di denigrazione, che consistono nel diffondere: "notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività di un concorrente idoeni a determinarne il discredito; b) l'appropriazione di pregi dei prodotti o dell'impresa di un concorrente.

L'art. 2958 cc si chiude con una norma residuale che definisce concorrenza sleale: "ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l'altrui azienda".

La giurisprudenza ha ricondotto nell'alveo di quest'ultima categoria generale:
 
a) la concorrenza parassitaria che consiste nella sistematica imitazione delle altrui iniziative imprenditoriali;
 
b) la sistematica vendita sotto costo dei propri prodotti - dumping;
 
c) lo storno di dipendenti particolarmente qualificati.
 
 
TRIBUNALE DI ....
RICORSO PER PROVVEDIMENTO D'URGENZA
EX ART. 700 C.P.C.
proposto da:
.... con Avv. ....
CONTRO
....
* * *
Ill.mo Sig. Presidente,
 
il Sig. ...., codice fiscale n. ...., amministratore della S.r.l....., con sede in ...., via ...., n. .... e domiciliato in ...., via ...., n. ...., presso lo studio dell'Avv. ...., codice fiscale n. ...., che lo rappresenta e difende per procura stesa in calce (oppure) a margine ....
 
PREMESSO
 
- che ha acquistato l'azienda per la commercializzazione di .... in ...., via ...., n. .... dal Sig. ....;
 
- che questi nonostante i divieti di legge ha intrapreso in locali posti nella stessa strada a una decina di metri dalla predetta azienda attività di commercializzazione degli stessi prodotti;
 
- che tale attività costituisce un atto di concorrenza sleale non consentito dalla legge che comporta lo sviamento della clientela della esponente;
 
- pertanto, intende agire a tutela dei propri diritti, per ottenere ....;
 
- che, nelle more è necessario provvedere con urgenza per far cessare il predetto abuso;
 
tutto ciò premesso
 
CHIEDE
 
che la S.V.Ill.ma voglia, ai sensi dell'art. 700 c.p.c., inibire al Sig. .... di svolgere la predetta attività nei locali di via ...., n. ....
 
Allega: contratto di vendita di azienda e ....
 
Ai fini del versamento del contributo unificato per le spese di giustizia dichiara che il valore della causa è di Euro . . . .
Il sottoscritto difensore dichiara di voler ricevere le comunicazioni al numero di fax . . . . . . o all'indirizzo di posta elettronica certificata . . . . . . . .@. . . . . .it.
.... lì ....
(Avv. ....)
(PROCURA ALLE LITI, SE NECESSARIA)
DEPOSITATO IN CANCELLERIA
OGGI ....
IL CANCELLIERE
....
 
Il Presidente,
letto il ricorso che precede, visti gli artt. 669 sexies e 700 c.p.c., fissa per la comparizione delle parti innanzi al Dott. .... l'udienza del ...., alle ore .... Manda al ricorrente per la notifica del ricorso e del presente decreto entro il ....
.... lì ....
IL CANCELLIERE IL PRESIDENTE
.... ....






Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia