Ricerca























mod_vvisit_counterVisite Oggi814
mod_vvisit_counterDal 12/06/0913011203

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
il consulente tecnico d'ufficio e la CTU

Il consulente tecnico d'ufficio nel processo civile, la relazione di consulenza tecnica, la nomina e il giuramento, l'astensione e la ricusazione, i termini, l'attività dei consulenti tecnici di parte, il nuovo contraddittorio di questi ultimi con il consulente tecnico d'ufficio così come introdotto dalla L. n. 69/2009  nell'art. 195 cpc.

Argomenti correlati

la consulenza tecnica

esibizione documenti e informazioni PA

riconoscimento e disconoscimento scrittura

interrogatorio formale e confessione giudiziale

il giuramento

la testimonianza

 

ARTICOLO  191

Nomina del consulente tecnico.

[I]. Nei casi previsti dagli articoli 61 e seguenti il giudice istruttore, con ordinanza ai sensi dell'articolo 183, settimo comma, o con altra successiva ordinanza, nomina un consulente, formula i quesiti e fissa l’udienza nella quale il consulente deve comparire (1).

[II]. Possono essere nominati più consulenti soltanto in caso di grave necessità o quando la legge espressamente lo dispone.

(1) Comma così sostituito dall'art. 46, comma 4, della l. 18 giugno 2009, n. 69 Il testo precedente recitava: «Nei casi di cui agli articoli 61 e seguenti il giudice istruttore, con l'ordinanza prevista nell'articolo 187, ultimo comma, o con altra successiva, nomina un consulente tecnico e fissa l'udienza nella quale questi deve comparire».

 

ARTICOLO  192

Astensione e ricusazione del consulente.

[I]. L'ordinanza è notificata al consulente tecnico a cura del cancelliere, con invito a comparire all'udienza fissata dal giudice (1).

[II]. Il consulente che non ritiene di accettare l'incarico o quello che, obbligato a prestare il suo ufficio, intende astenersi, deve farne denuncia o istanza al giudice che l'ha nominato almeno tre giorni prima dell'udienza di comparizione; nello stesso termine le parti debbono proporre le loro istanze di ricusazione [632-3], depositando nella cancelleria ricorso al giudice istruttore.

[III]. Questi provvede con ordinanza non impugnabile [177 3; 89 att.].

(1) Ai sensi dell'art. 51 del d.l. 25 giugno 2008, n. 112, conv. con modif., dalla l. 6 agosto 2008, n. 133, le notificazioni e comunicazioni di cui al presente comma, sono effettuate per via telematica.

 

ARTICOLO  193

Giuramento del consulente.

[I]. All'udienza di comparizione il giudice istruttore ricorda al consulente l'importanza delle funzioni che è chiamato ad adempiere, e ne riceve il giuramento di bene e fedelmente adempiere le funzioni affidategli al solo scopo di fare conoscere ai giudici la verità [261 3].

ARTICOLO  194

Attività del consulente.

[I]. Il consulente tecnico assiste alle udienze alle quali è invitato dal giudice istruttore [197]; compie, anche fuori della circoscrizione giudiziaria, le indagini di cui all'articolo 62, da sé solo o insieme col giudice secondo che questi dispone. Può essere autorizzato a domandare chiarimenti alle parti, ad assumere informazioni da terzi e a eseguire piante, calchi e rilievi [261].

[II]. Anche quando il giudice dispone che il consulente compia indagini da sé solo, le parti possono intervenire alle operazioni in persona e a mezzo dei propri consulenti tecnici [201] e dei difensori, e possono presentare al consulente, per iscritto o a voce, osservazioni e istanze [90, 91, 92 att.].

ARTICOLO  195

Processo verbale e relazione.

[I]. Delle indagini del consulente si forma processo verbale [126, 130], quando sono compiute con l'intervento del giudice istruttore, ma questi può anche disporre che il consulente rediga relazione scritta.

[II]. Se le indagini sono compiute senza l'intervento del giudice, il consulente deve farne relazione, nella quale inserisce anche le osservazioni e le istanze delle parti.

[III]. La relazione deve essere trasmessa dal consulente alle parti costituite nel termine stabilito dal giudice con ordinanza resa all'udienza di cui all'articolo 193. Con la medesima ordinanza il giudice fissa il termine entro il quale le parti devono trasmettere al consulente le proprie osservazioni sulla relazione e il termine, anteriore alla successiva udienza, entro il quale il consulente deve depositare in cancelleria la relazione, le osservazioni delle parti e una sintetica valutazione sulle stesse (1).

(1) Comma così sostituito dall'art. 46, comma 5, della l. 18 giugno 2009, n. 69. Il testo precedente recitava: «La relazione deve essere depositata in cancelleria nel termine che il giudice fissa».

ARTICOLO  196

Rinnovazione delle indagini e sostituzione del consulente.

[I]. Il giudice ha sempre la facoltà di disporre la rinnovazione delle indagini e, per gravi motivi, la sostituzione del consulente tecnico [64].

ARTICOLO  197

Assistenza all'udienza e audizione in camera di consiglio.

[I]. Quando lo ritiene opportuno il presidente invita il consulente tecnico ad assistere alla discussione davanti al collegio [275] e ad esprimere il suo parere in camera di consiglio in presenza delle parti, le quali possono chiarire e svolgere le loro ragioni per mezzo dei difensori [201 2, 441].

ARTICOLO  198

Esame contabile.

[I]. Quando è necessario esaminare documenti contabili e registri, il giudice istruttore può darne incarico al consulente tecnico, affidandogli il compito di tentare la conciliazione delle parti [185, 200].

[II]. Il consulente sente le parti e, previo consenso di tutte, può esaminare anche documenti e registri non prodotti in causa. Di essi tuttavia, senza il consenso di tutte le parti, non può fare menzione nei processi verbali o nella relazione di cui all'articolo 195.

ARTICOLO  199

Processo verbale di conciliazione.

[I]. Se le parti si conciliano, si redige processo verbale della conciliazione, che è sottoscritto dalle parti e dal consulente tecnico e inserito nel fascicolo d'ufficio [126, 130, 168 2; 36 att.].

[II]. Il giudice istruttore attribuisce con decreto efficacia di titolo esecutivo [923, 4742] al processo verbale.

ARTICOLO  200

Mancata conciliazione.

[I]. Se la conciliazione delle parti non riesce, il consulente espone i risultati delle indagini compiute e il suo parere in una relazione, che deposita in cancelleria nel termine fissato dal giudice istruttore.

[II]. Le dichiarazioni delle parti, riportate dal consulente nella relazione, possono essere valutate dal giudice a norma dell'articolo 116, secondo comma.

ARTICOLO  201

Consulente tecnico di parte.

[I]. Il giudice istruttore, con l'ordinanza di nomina del consulente [191 1], assegna alle parti un termine entro il quale possono nominare, con dichiarazione ricevuta dal cancelliere, un loro consulente tecnico [87; 91, 145 att.].

[II]. Il consulente della parte, oltre ad assistere a norma dell'articolo 194 alle operazioni del consulente del giudice, partecipa all'udienza e alla camera di consiglio ogni volta che vi interviene il consulente del giudice, per chiarire e svolgere, con l'autorizzazione del presidente, le sue osservazioni sui risultati delle indagini tecniche [197].

Argomenti correlati

la consulenza tecnica

esibizione documenti e informazioni PA

riconoscimento e disconoscimento scrittura

interrogatorio formale e confessione giudiziale

il giuramento

la testimonianza

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia