Ricerca























mod_vvisit_counterVisite Oggi108
mod_vvisit_counterDal 12/06/0913053130

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
il giuramento nel processo civile

Il giuramento nel processo civile, giuramento decisorio, suppletorio e estimativo, deferimento e riferimento del giuramento, conseguenze della mancata prestazione modalità dell'acquisizione processuale del mezzo di prova

Argomenti correlati

la consulenza tecnica

esibizione documenti e informazioni PA

riconoscimento e disconoscimento scrittura

interrogatorio formale e confessione giudiziale

il giuramento

la testimonianza

 

ARTICOLO  233

Deferimento del giuramento decisorio.

[I]. Il giuramento decisorio [2736n. 1, 2960 c.c.] può essere deferito in qualunque stato della causa [345 3, 394 3, 421 2, 437 2] davanti al giudice istruttore, con dichiarazione fatta all'udienza dalla parte o dal procuratore munito di mandato speciale [83, 84] o con atto sottoscritto dalla parte.

[II]. Esso deve essere formulato in articoli separati, in modo chiaro e specifico.

ARTICOLO  234

Riferimento.

[I]. Finché non abbia dichiarato di essere pronta a giurare, la parte, alla quale il giuramento decisorio è stato deferito, può riferirlo all'avversario nei limiti fissati dal codice civile [2739 c.c.].

ARTICOLO  235

Irrevocabilità.

[I]. La parte, che ha deferito o riferito il giuramento decisorio, non può più revocarlo [236] quando l'avversario ha dichiarato di essere pronto a prestarlo.

ARTICOLO  236

Caso di revocabilità.

[I]. Se nell'ammettere il giuramento decisorio il giudice modifica la formula proposta dalla parte [233 2], questa può revocarlo.

ARTICOLO  237

Risoluzione delle contestazioni.

[I]. Le contestazioni sorte tra le parti circa l'ammissione del giuramento decisorio sono decise dal collegio [187 4, 279 1].

[II]. L'ordinanza del collegio che ammette il giuramento deve essere notificata personalmente alla parte [1701].

ARTICOLO  238

Prestazione.

[I]. Il giuramento decisorio è prestato personalmente dalla parte ed è ricevuto dal giudice istruttore. Questi ammonisce il giurante sull'importanza [religiosa e] morale dell'atto e sulle conseguenze penali delle dichiarazioni false, e quindi lo invita a giurare [371 c.p.] (1).

[II]. Il giurante, in piedi, pronuncia a chiara voce le parole: « consapevole della responsabilità che col giuramento assumo [davanti a Dio e agli uomini], giuro... », e continua ripetendo le parole della formula su cui giura [2332] (2).

(1) La Corte cost., con sentenza 8 ottobre 1996, n. 334 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente comma limitatamente alle parole « religiosa e ».

(2) La Corte cost., con sentenza 8 ottobre 1996, n. 334 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente comma limitatamente alle parole « davanti a Dio e agli uomini».

ARTICOLO  239

Mancata prestazione.

[I]. La parte alla quale il giuramento decisorio è deferito, se non si presenta senza giustificato motivo all'udienza all'uopo fissata, o, comparendo, rifiuta di prestarlo o non lo riferisce all'avversario [234], soccombe rispetto alla domanda o al punto di fatto relativamente al quale il giuramento è stato ammesso; e del pari soccombe la parte avversaria, se rifiuta di prestare il giuramento che le è riferito [2738 1 c.c.].

[II]. Il giudice istruttore, se ritiene giustificata la mancata comparizione della parte che deve prestare il giuramento, provvede a norma dell'articolo 232, secondo comma.

ARTICOLO  240

Deferimento del giuramento suppletorio (1).

[I]. Nelle cause riservate alla decisione collegiale, il giuramento suppletorio può essere deferito esclusivamente dal collegio.

(1) Articolo così sostituito dall'art. 27 l. 26 novembre 1990, n. 353. Il testo precedente recitava: «[I]. Il giuramento suppletorio può essere deferito esclusivamente dal collegio».

 

ARTICOLO  241

Ammissibilità e contenuto del giuramento d'estimazione.

[I]. Il giuramento sul valore della cosa domandata [2736n. 2 c.c.] può essere deferito dal collegio a una delle parti, soltanto se non è possibile accertare altrimenti il valore della cosa stessa [265 1, 437 2]. In questo caso il collegio deve anche determinare la somma fino a concorrenza della quale il giuramento avrà efficacia.

ARTICOLO  242

Divieto di riferire il giuramento suppletorio.

[I]. Il giuramento deferito d'ufficio a una delle parti non può da questa essere riferito all'altra.

ARTICOLO  243

Rinvio alle norme sul giuramento decisorio.

[I]. Per la prestazione del giuramento deferito d'ufficio si applicano le disposizioni relative al giuramento decisorio [238, 239 1].

Argomenti correlati

la consulenza tecnica

esibizione documenti e informazioni PA

riconoscimento e disconoscimento scrittura

interrogatorio formale e confessione giudiziale

il giuramento

la testimonianza

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia