Ricerca

























avvocati_domiciliatari_diritto_civile.jpg
mod_vvisit_counterVisite Oggi1739
mod_vvisit_counterDal 12/06/0911790753

domiciliazioniprevprof.jpg

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
modello note autorizzate lavoro
Un modello delle note autorizzate ex art 429 cpc, secondo comma in materia di conversione di contratto a progetto in contratto di lavoro subordinato, qualche spunto introduttivo sul contenuto essenziale delle note
 
Le note autorizzate, nel rito del lavoro, sono espressamente previste dal comma 2° dell'art. 429 cpc a mente del quale: "se il giudice lo ritiene necessario, su richiesta delle parti, concede alle stesse un termine non superiore a dieci giorni per il deposito di note difensive, rinviando la causa all'udienza immediatamente successiva alla scadenza del termine suddetto, per la discussione e la pronuncia della sentenza".

Le note possono essere autorizzate dunque al termine dell'espletamento dell'istruttoria o, laddove la causa sia solo in punto di diritto e non necessiti istruttoria, al termine della prima udienza.
 
Invero, mentre il codice del rito aveva chiaramente indicato le note come un atto non necessario ai fini della decisione in quanto il giudice le avrebbe dovute autorizzare solo laddove necessarie, nella prassi si tratta di un atto fondamentale in quanto, in considerazione dei tempi usualmente non brevi, che intercorrono tra le varie udienze, con le note autorizzate è possibile ricostruire in modo favorevole alle proprie tesi difensive le risultanze dell'istruttoria e depositare la giurisprudenza più recente che può sostenere le proprie argomentazioni giuridiche.
 
Gli elementi essenziali sui quali conviene dunque incentrare le note autorizzate sono:
 
a) l'istruttoria, focalizzando l'atto naturalmente sulle risultanze favorevoli dell'istruttoria espletata e tentando, ove possibile, di destrutturare le risultanze sfavorevoli, sottolineandone le eventuali carenze;
 
b) la giurisprudenza successiva favorevole o eventuali disposizioni normative sopravvenute.


ILL.MO TRIBUNALE CIVILE DI......
in funzione di giudice del lavoro
G.U. Dott.......
r.g. n..........
UD...........
NOTE AUTORIZZATE



Per il Dott.............., rappresentato e difeso, sia congiuntamente che disgiuntamente, dagli Avv.ti..............

contro

La Soc...................rappresentata e difesa dall'Avv........................

*    *    *

Presupposti noti i fatti di causa per i quali questa difesa integralmente rinvia al ricorso introduttivo, prima di esaminare le risultanze dell'istruttoria espletata che hanno chiaramente dimostrato la fondatezza della domanda svolta essendo state ampiamente confermate tutte le circostanze dedotte a sostegno delle conslusioni rassegnate nel ricorso introduttivo, si rileva come del tutto infondata appare l'eccezione processuale d'improcedibilità del ricorso per il mancato espletamento del tentativo obbligatorio di conciliazione.
 
Come noto, infatti, la L. n. 122 del 2010 ha reso facoltativo il previo esperimento del tentativo di conciliazione sicchè l'eccezione di controparte s'appalesa evidentemente infonadata.
 
Ciò doverosamente premesso, l'istruttoria espletata ha chiaramente dimostrato la natura subordinata del rapporto intercorso con la società resistente in quanto i testi hanno confermato l'esercizio del potere disciplinare e gerarchico nei confronti del ricorrente da parte del Sig.............AU della società resistente.
 
In particolare, il teste Sig............., all'udienza del.............ha avuto modo di dichiarare che:"..............................", con ciò dimostrando che il ricorrente è stato sanzionato dal datore in occasione di una presunta mancanza lavorativa; lo stesso teste poi ha chiarito come il ricorrente osservasse un orario di lavoro fisso coincidente con quello di tutti gli altri dipendenti e come svolgesse le medesime mansioni degli altri addetti al reparto eseguendo le direttive che quotidianamente impartiva il capo reparto.

Il teste.............ha poi chiarito come anche le ferie ed i permessi fossero accordati al ricorrente solo previo consenso dell'AU e, salvo casi eccezionali, solo se la richiesta perveniva con congruo anticipo.
 
In definitiva il rapporto di lavoro, formalmente inquadrato come contratto di lavoro a progetto, presentava tutti i connotati tipicamente individuati dalla giurisprudenza di legittimità come caratterizzanti il lavoro subordinato, sicchè il ricorrente ha il diritto a percepire le differenze retributive individuate nel ricorso introduttivo applicando il CCNL................con inquadramento al livello..............del medesimo contratto
 
PTQM
 
Si insiste per l’integrale accoglimento delle conclusioni già rassegnate nel ricorso introduttivo.
 
Data.......................
 
Avv.............................




Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia