Ricerca

























avvocati_domiciliatari_diritto_civile.jpg
mod_vvisit_counterVisite Oggi1402
mod_vvisit_counterDal 12/06/0911589258

domiciliazioniprevprof.jpg

 CERCA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
ricorso conversione contratto a progetto in subordinazione

Modello di ricorso per la conversione di un contratto a progetto in un contratto di lavoro subordinato e richiesta delle conseguenti differenze retributive

Il contratto a progetto è disciplinato dagli artt. 61 e ss del D.Lgs. n. 276 del 2003. Il contratto deve individuare il progetto nel suo contenuto caratterizzante che deve consistere in una attività produttiva ben identificabile e funzionalmente collegata a un risultato finale.  Il contratto  a progetto, che richiede la forma scritta ad probationem deve contenere i seguenti elementi: il progetto, la durata, determinata o determinabile, della prestazione di lavoro, il corrispettivo e i criteri per la sua determinazione, i tempi e le modalità di pagamento, le modalità di coordinamento del lavoratore con le attività aziendali. Ove il contratto presenti tali requisiti ma la prestazione di lavoro sia in concreto diversa si tratterà di una vicenda simulatoria ed il lavoratore potrà rivendicare i diritti conseguenti alla reale fattispecie lavorativa concretizzatasi. In un ricorso di lavoro volto alla conversione del contratto a progetto in un contratto di lavoro subordinato, occorrerà quindi evidenziare le eventuali carenze formali del contratto a progetto e la difformità del rapporto di lavoro fromalizzato nel contratto rispetto a quello effettivamente svoltosi


TRIBUNALE DI ....

- Sezione lavoro -

Ricorso ex art. 414 c.p.c.

 

per
 
il sig. ...., C.F. .... nato a .... e residente in .... alla via ...., rappresentato e difeso giusta procura a margine del presente atto dall'avv. ...., C.F. .... ...., PEC..................................FAX............................. presso il cui studio in .... alla via .... n. .... elegge domicilio per tutti gli effetti di legge;art. 414 c.p.c.

contro
 
la soc ....,PI ......, in persona del AU legale rappresentante pro tempore, con sede in...............................;

Fatto
 


1. Con  .... [numero contratti] successivi contratti di lavoro a progetto stipulati per i periodi dal .... al .... e dal .... al ...., il ricorrente è stato formalmente assunto, quale collaboratore a progetto, dalla resistente per la realizzazione del progetto indivudato al punto..............del contratto che così testualmente recita...........................;

2. Durante il corso del rapporto formalmente contrattualizzato come rapporto di lavoro a progetto, il ricorrente di fatto ha svolto attività di lavoro subordinato alle dipendenze della resistente a far data dal .... al ...., svolgendo le seguenti mansioni: ....;

3. Il ricorrente è stato, sin dall'origine, sottoposto al potere direttivo, gerarchico e di controllo del datore di lavoro ed in particolare del Sig...................; in particolare:

dal Sig..................il ricorrente riceveva le quotidiane disposizioni di lavoro e l'assegnazione dei compiti da svolgere;

era il Sig.......................che accordava al ricorrente i giorni di permesso ed accordava al medesimo il periodo di ferie; 

il Sig......................ha avuto modo di sanzionare il ricorrente con ben due note formali di richiamo (cfr all. n....) ed ha mosso, in numerose occasioni dinanzi ai colleghi, richiami orali al ricorrente; 

Il ricorrente, inoltre, è sempre stato tenuto a lavorare presso la sede della resistente con un orario fisso settimanale coincidente con quello osservato dagli altri lavoratori subordinati: in particolare, tutti i giorni dal .... al .... osservando il seguente orario di lavoro: dalle .... sino alle ....;

4. Il ricorrente ha sempre svolto mansioni riconducibili nel livello......................del CCNL applicato in azienda (o comunque applicabile all'azienda) come si evince dalla lettura della relativa declaratoria contrattuale che così testualmente recita........................, si precisa sin d'ora che al ricorrente è dovuta la retribuzione così come prevista dal citato CCNL in quanto il contratto a progetto ha avuto il solo scopo di dissimulare un rapporto di lavoro subordinato;

5 Tra il compenso effettivamente erogato al ricorrente e quello spettante in forza del richiamato contratto collettivo, utilizzabile come parametro per l'individuazione della retribuzione dovuta ex artt. 36 cost e 2099 cc sussistono le differenze evidenziate dai seguenti conteggi:

ALLEGARE I CONTEGGI

Ciò premesso, in punto di fatto, il Sig...........................chiede l'accoglimento delle conclusioni svolte nel presente ricorso per i seguenti motivi di

DIRITTO


Violazione degli artt. 61 ss., d.lgs. n. 276/2003

In via preliminare si rileva che l'art. 69 del d.lgs. n. 276/2003 sanziona l'inosservanza dei requisiti richiesti dagli artt. 61 e ss del medesimo decreto con la conversione del rapporto di collaborazione in rapporto di lavoro subordinato a far data dalla costituzione dello stesso.

Nella specie il contratto ha un progetto dai contorni generici dal quale non è dato evincere con precisione il risultato o la fase di lavoro cui il ricorrente avrebbe dovuto essere adibito.

Di fatto, poi, il rapporto si è svolto secondo modalità diverse rispetto a quelle prefigurate nell'ambito dell'articolato contrattuale, presentando, invero, tutti i requisiti sintomatici del rapporto di lavoro subordinato e segnatamente: l'eterodirezione della prestazione lavorativa, il controllo grearchico e l'esercizio del potere disciplinare, l'obbligo di rispettare un preciso orario di lavoro e l'obbligo di rispettare con il datore ferie e permessi.

E', dunque, manifesta la difformità tra le modalità di svolgimento del rapporto ed i requisiti richiesti dall'art. 61 affinchè un rapporto lavorativo possa legittimamente essere ricondotto nell'ambito di un contratto a progetto in quanto, nella specie, sussiste un chiaro vincolo di subordinazione tra il ricorrente e la resistente e difetta il progetto e/o i programmi di lavoro o fasi di esso che il ricorrente avrebbe dovuto gestire autonomamente in funzione del risultato.

Appare dunque di tutta evidenza che il formale contratto a progetto, (peraltro, privo dei requisiti richiesti dagli artt. 61 e ss del D.Lgs. n. 276 del 2003 stante la genericità del suo oggetto) ha avuto il solo intento di dissimulare un rapporto di lavoro subordinato; ciò è dimostrato, oltre che dalle modalità effettive di svolgimento del rapporto di lavoro, dalla circostanza del susseguirsi di più contratti a progetto in regime di monocommittenzaa con progetti generici e sostanzialmente simili, tale da dare al rapporto una continuità temporale e di mansioni che palesano la natura evidentemente subordinata del rapporto per cui è causa.

Ne consegue la nullità dei contratti a progetto stipulati in quanto simulati e la conversione degli stessi in un rapporto di lavoro subordinato ab origine con inquadramento del Sig. al livello...................del CCNL.........................e con il conseguente diritto del Sig................di percepire le diferenze retributive evidenziate nei conteggi.

Tanto esposto e considerato il Sig............................... come sopra rappresentato e difeso

CHIEDE

 

che l’Ill.mo Giudice designato, presso il Tribunale di..............., in funzione di Giudice del Lavoro, Voglia fissare l’udienza di comparizione delle parti e di discussione della causa per l’accoglimento delle seguenti

 
CONCLUSIONI


1. Accertare e dichiarare, ai sensi e per gli effetti degli artt. 61, 62 e 69 del d.lgs. n. 276/2003, la nullità dei .... [numero] contratti di lavoro a progetto così come simulati tra le parti e stipulati tra il sig. .... e la ...., in persona del legale rappresentante pro tempore, rispettivamente in data .... e .... e .... per i motivi di cui alla narrativa del presente atto.

2. Per l'effetto, stante la declaratoria di nullità dei suddetti contratti, accertare e dichiarare la reale natura subordinata del rapporto di lavoro intercorso tra le parti a far data dal .... al .... ai sensi e per gli effetti dell'art. 69 d.lgs. n. 276/2003;

3. Condannare conseguentemente la ...., in persona del legale rappresentante pro tempore, al pagamento in favore del sig. .... della complessiva somma di euro .... o di quell'altra somma maggiore o minore che verrà accertata per dovuta in corso di causa, il tutto oltre interessi e rivalutazione monetaria come per legge;

4. Condannare la .... al versamento presso i competenti organi di tutti i contributi assicurativi e previdenziali in favore dell'odierno ricorrente a far data dalla costituzione del rapporto di lavoro; con vittoria di spese competenze ed onorari di lite


5. In via istruttoria si depositano i seguenti documenti:

Si chiede prova per testi con i Sigg.ri........................sui capitoli della premessa in fatto da intendersi come capitoli di prova emendati di ogni componente valutativa; sui medesimi capitoli si chiede che il Giudice voglia ammettere interrogatorio formale del legale rappresentante della società convenuta

Si chiede altresì che il sig. Giudice adito voglia nominare CTU medico al fine di valutare le patologie da cui è affetto il ricorrente e lo stato di salute in cui lo stesso versa a far data dal .... a tutt'oggi.

[luogo e data] ....

L'Avvocato [firma] ....


[luogo e data] ....

L'Avvocato [firma] ....

 

 

[luogo e data] ....

L'Avvocato [firma] ....
(Torna su   ) Correlazioni

 

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

 CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata
Previdenza Professionisti | Diritto Penale | Diritto Amministrativo | Diritto di Famiglia